Antifurto perimetrale: struttura e caratteristiche

Il sistema di sicurezza perimetrale moderno permette ai proprietari di case e capannoni commerciali di accedere a molte tipologie di protezione. Ci sono tanti elementi da tenere in considerazione durante la realizzazione di questi sistemi di allarme.

Cos'è la sicurezza perimetrale?

Parlando di sicurezza perimetrale dobbiamo distinguere tra impianti interni ed esterni.

Impianto perimetrale interno

Questo tipo di impianto viene installato su porte e finestre che permettono l'accesso alla casa o all'ufficio da proteggere. Grazie ai sistemi di programmazione lo si può settare in modo "totale" o parziale, in modalità "notte/in casa". Questo permette, a chi vive all'interno dell'abitazione, di muoversi in libertà pur rimanendo protetto.

  • I sensori su serramenti (finestre, porte o vetrate) rilevano sia l'apertura che la rottura.
  • I sensori a tenda vengono posizionati in modo da formare una barriera simile ad una tenda. L'allarme scatta quando si oltrepassa questa "tenda". Rispetto ad un contatto magnetico garantisce la protezione anche quando le finestre o le porte vengono lasciate aperta.

Impianto perimetrale esterno

L'impianto perimetrale esterno protegge il perimetro o la recinzione esterna allo spazio da proteggere. Può essere installato lungo il perimetro dell'intera abitazione o in corrispondenza di una porzione dell'edificio più vulnerabile.

Il perimetro di un edificio è l'area attorno ad una struttura o proprietà. Il termine sicurezza perimetrale viene utilizzato per descrivere i sistemi che impediscono l'ingresso in un edificio. Più comunemente, la sicurezza perimetrale esterna rende invalicabili i confini di una struttura, come se ci fossero dei muri e altre fortificazioni.

Questo è possibile grazie alla presenza di sensori posti in posizioni strategiche. Si tratta di piccoli elementi dai quali partono fasci di raggi infrarossi e microonde a formare uno schermo che, una volta attraversato, fa scattare l'allarme.
Queste due tecnologie si utilizzano in abbinamento, per evitare falsi allarmi.

Meglio sistemi di allarme con o senza fili?

I sensori senza fili sono comunemente sensori via radio. Nei migliori sistemi di allarme hanno la possibilità di essere bidirezionali e hanno segnalazione di sopravvivenza ogni tot secondi. Il tempo che intercorre tra una comunicazione e l'altra è dato dal livello di sicurezza degli apparecchi mentre, per quelli filari questa comunicazione fra sensore e centrale è garantita dal collegamento fisico del filo.

Se la tua scelta ricadesse su impianti filari perché hai paura delle frequenze emesse da quelli wireless, siamo qui a rassicurarti: le onde elettromagnetiche che partono dalla centralina e dai sensori del sistema di allarme non sono dannose per la salute.

Va posto l'accento sul fatto che la potenza di trasmissione è molto bassa.
Le analisi sugli impianti e sulla relative emissioni sono state portate avanti dall'ETSI (European Telecommunications Standards Institute) che è l’istituto indipendente che, in Europa, è responsabile della definizione di standard nel campo delle telecomunicazioni.

Vantaggi di un antifurto perimetrale

L’antifurto perimetrale protegge la tua casa dai malintenzionati ed è la scelta migliore per questi motivi:

  • Sfrutta la tecnologia dei raggi a infrarossi: crea una barriera totalmente invisibile agli occhi dei ladri.
  • È disponibile anche in modalità wireless: in questo modo l’antifurto perimetrale lavora senza nessun cablaggio a filo e si connette alla centralina in doppia frequenza.
  • Protegge spazi di qualsiasi metratura.

Svantaggi di un antifurto perimetrale

  • I sensori infrarossi sono sensibili alle alte temperature, sopra i 35° la loro sensibilità si riduce e la rilevazione diventa complicata, per questo si consiglia di acquistare prodotti a doppia tecnologia. Così si può  accrescere la sensibilità e migliorare l’affidabilità del sistema di sicurezza.
  • Noi consigliamo di occultare il più possibile i sensori esterni, per proteggerli sia da occhi indiscreti che da agenti atmosferici.
  • Per i sensori alimentati da pile, nei sistemi senza fili, serve un cambio delle batterie ogni 2/3 anni.

Dispositivi di segnalazione

I dispositivi di segnalazione permettono di segnalare acusticamente e visivamente la presenza di eventuali malintenzionati a chi è nelle vicinanze dell'abitazione, dell'ufficio o del capannone aziendale.

La sirena assolve il proprio compito segnalando acusticamente le intrusioni. All'esterno degli edifici si può installare un dispositivo che segnali il problema anche attraverso una segnalazione luminosa (come abbiamo visto nel caso delle sirene antincendio).

Sirena interna

La sirena interna ha lo scopo di disorientare eventuali malintenzionati e segnalare l'avvenuta intrusione all'interno dell'edificio.

Un buon impianto di allarme può essere programmato in modo da far suonare la sirena interna solo quando si è fuori casa e per un tempo prestabilito.

Quando si è in casa, invece, si è comunque protetti perché si può scegliere di far suonare solo la sirena da esterno.

Sirena esterna

La sirena esterna solitamente ha dimensioni maggiori rispetto a quella interna ed è realizzata con materiali che non temono gli agenti atmosferici.

Al suo interno contiene delle batterie che le permettono di funzionare anche in caso di manomissione e ha un guscio che protegge la tromba e gli elementi elettronici da colpi e tentativi di sabotaggio.

Tra le protezioni attive a corredo delle sirene esterne, ci sono anche le griglie di protezione e i dispositivi elettronici per impedire l'introduzione di materiali, aperture forzate o scardinamenti dal muro.

Per evitare problemi e manomissioni si può far installare un tamper anti-sabotaggio su ogni sensore. Servirà a proteggere l’impianto e ad assicurarti una maggiore sicurezza.

Affidati ad un professionista per il tuo allarme perimetrale

L’installazione di impianti di allarme, come non ci stancheremo mai di ricordarti, non si presta al fai-da-te. A maggior ragione quando parliamo di antifurti perimetrali. Quali e quanti sensori installare (e in quali punti) è una scelta che spetta a professionisti del settore. Decidere di risparmiare non avvalendosi di un esperto, ti porterà a montare sensori e altri componenti che, però, non potranno mai farti fare sonni tranquilli.

Rivolgiti a tecnici specializzati che, come noi di CMC, sapranno come impostare il lavoro nel modo migliore. Contattaci per un preventivo gratuito. Faremo un sopralluogo e ti consiglieremo le soluzioni più adatte alle esigenze tue e della tua famiglia.